sabato 29 marzo 2014

Alcune considerazioni sul trailer del nuovo film delle Tartarughe Ninja (titolo del post tipo film di Sordi e Scola)

Pochi giorni fa è uscito il trailer del nuovo film delle Tartarughe Ninja, di solito non faccio post sui trailer perché nel 90% dei casi mi esalto di film che poi, una volta visti, preferirei dimenticare. "Esiste il collutorio per cervelli?" "No" "Merda, allora andiamo a fumarci uno spiripacchio" (dialogo realmente avvenuto al termine della proiezione di Lanterna Verde).
Ma chi mi conosce bene sa che per me le Tartarughe Ninja sono come una religione...


Mantra della religione: "Potere Tartaruga"
Una religione partita prima del catechismo e dell'oratorio (dove tra l'altro ho imparato a creare bestemmie sempre più colorite), partita con il cartone animato di cui sopra e con i mitici, inimitabili, gagliardissimi giocattoli della Playmates, con cui inventavo le mie storie personali e vivevo avventure ai limiti dell'incredibile (altro che la bibbia).

Una fede che (a differenza di ciò che avviene nelle religioni tradizionali) è andata crescendo con l'età.
Perché quando sembrava che stesse per scomparire riemerse, con la stessa veemenza di una dottrina eretica che diventa canonica, non appena incominciai a leggere un fumetto incredibile dal inconfondibile retrogusto di fogna NewYorkese. Un fumetto che ti colpisce con la violenza di un calcio rotante da cui non puoi scappare. Naturalmente parlo dell'originale Teenage Mutant Ninja Turtles di Eastman e Laird (da non confondersi con Leary il profeta del LSD che poi va a finire che le tartarughe parlanti le vedi veramente)
TMNT Vol. 3 scena inconfondibile apparsa anche nel celeberrimo film del 1990
Il fumetto delle Tartarughe Ninja nasce come... "Oh ma non dovevi farci vedere il Trailer?", "Il trailer ciccio te lo vedi pure su You Tube, qui si fa..." No ha ragione il rompicojoni, vediamoci sto benedetto trailer che di fumetti ne parliamo un altra volta che è meglio (cit.)

Le premesse sono (dal mio punto di vista) buone, i toni Dark, NY colpita da violenti mutamenti che lasciano gli uomini interdetti creando così ottime premesse per l'arrivo di giovani mutanti ultimi coraggiosi eroi che affrontano terribili minacce per aiutare il prossimo e fare ciò che è giusto.
Manca (ma è solo il Trailer) le componenti giovani/incompresi e diversità/razzismo.
Però c'è Megan Fox.
Manca Splinter.
Però c'è Megan Fox.
Il regista è una mezza pippa e gli sceneggiatori hanno fatto solo alcune puntate di Alias.
Però c'è Megan Fox.

Cioè MEGAN FOX!

Si ok abbiamo capito, ma oltre quella SuperGnocca di Megan Fox che ci dice il Trailer? Nulla, è un trailer, però devo ammettere che mi sono piaciuti molto gli effetti speciali, alcune inquadrature e Megan Fox.
Sono anche molto curioso di vedere come struttureranno i combattimenti Ninja che (come sappiamo) devono essere rapidi e invisibili (no, Naruto, no).
Come detto per me le Tartarughe sono un credo, un tifo: c'è chi tifa Inter e chi tifa Tartarughe Ninja, io tifo Tartarughe Ninja, anche un po di Juve e un po di Megan Fox, ma soprattutto Tartarughe Ninja. E come il credente che va in chiesa tutte le domeniche mattine, come il tifoso che si reca allo stadio (altro tempio) le domeniche pomeriggio, io mi troverò lì' in terza/quarta fila a godermi (speriamo) un grande spettacolo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...