lunedì 8 luglio 2013

True Faith: Garth Ennis vs Dio round One



Prima recensione di fumetti del SupeRagno e quale modo migliore di cominciare che recensendo un fumetto dell’autore più blasfemo di sempre? Nessuno. Infatti oggi parliamo di True Faith, il secondo fumetto del celeberrimo Garth Ennis. Siete pronti per il primo round tra Dio e il bestemmiatore di Belfast? Allora cominciamo: Three, Two, One… Fight...

True Faith (1990)
Garth Ennis e Warren Pleece
Vertigo/Rw Lion 10,95 €


Chi conosce l’autore in questione non rimarrà stupito dai contenuti di quest’opera, giovanile, assolutamente imparagonabile ai lavori più recenti del maestro della bestemmia, ma se non ha mai letto un'opera del suddetto mastro bestemmiatore allora potrà trovare in True Faith un ottimo punto di inizio per seguire le traversie narrative di un autore che negli anni 90 ha rivoluzionato il mondo dei fumetti, inondandoli di sesso, violenza, dialoghi taglienti che abbiamo solo sentito nei film di Tarantino e letti nei romanzi di Lansdale, bestemmie, personaggi di una normalità disarmante che nelle mani di Garth Ennis si trasformano in mostri sociali capaci delle nefandezze più aberranti (credevo di essere un campione in queste cose ma ogni volta che leggo un suo fumetto scopro vette ineguagliabili di depravazione) senza scordarci che comunque questi rimangono fumetti molto positivi, non ho MAI letto un fumetto di Garth Ennis senza che nel finale il buono non trionfi riempiendo di calci nel culo il malvagio (fosse Dio, Hitler, Cristo o l’uomo ragno) bestemmiandogli in faccia una morale salda e inflessibile che solo un irlandese può portare avanti con tanta spregiudicata ultraviolenza.


In  True Faith ritroviamo uno dei temi più cari all’autore: Dio, l’argomento di infiniti dibattiti che accompagnano l’uomo fin dall’alba dei tempi. Se cercate un'opera che svisceri al meglio queste tematiche allora andate a comprarvi Preacher, perché True Faith tratta solo alcune tematiche fondamentali, come il rapporto Dio/libertà e il singolo rapporto che gli uomini hanno con un entità metafisica che dovrebbe aiutarci a superare le nostre difficoltà. Il centro di True Faith sta proprio in questo: troppo spesso gli uomini hanno sostituito Dio con Babbo Natale, pregandolo di realizzare la loro volontà e addossandogli tutte le colpe una volta raggiunto il fallimento. Prima di compiere un' impresa la preghiera può aiutare a svuotare la mente e fissare l’obbiettivo, ma poi sta a noi fare di tutto perché le cose accadano, senza finire a utilizzare un barbone invisibile come capro espiatorio per le negligenze umane.






La storia come detto ruota intorno alla figura di Dio (a differenza di Preacher qui dio non compare come personaggio fisico ma viene visto nella sua accezione reale) e due protagonisti: Nigel (giovane ateo, incompreso, subissato da amici e autorità) e Terry (cattolico praticante, che vede la sua vita finire letteralmente nel water).
Il W.C. infatti è una metafora fondamentale nell’opera: Terry è un rappresentante di prodotti per l’igiene che dopo la morte di moglie e figlia inizia a vedere il mondo/anima (in magia universo e uomo sono la stessa cosa) come un W.C. e Dio come un ingorgo del tubo a S che ostruisce la felicità e l’autodeterminazione degli uomini. Terry allora parte in una solitaria guerra per uccidere Dio e sostituirsi a esso, acquistando così la facoltà di realizzare il proprio destino. Sicuri?
 

Nigel dal canto suo non è minimamente interessato al rapporto uomo/Dio ma quando si ritrova la pistola di Terry puntata alla tempia realizza in un istante che quello che chiamiamo Dio è semplicemente un essere vivente che ha potere di vita e (soprattutto) di morte su di noi, come vediamo nella scena del cane crocefisso nella quale Nigel prega per un intervento superiore che venga a togliergli le castagne dal fuoco (gli atei si rivolgono a Dio solo in momenti di pericolo estremo)
Un momento memorabile lo troviamo nelle prime pagine del capitolo sei, dove Nigel chiede a Terry come pensa di uccidere un essere onnipotente e Terry gli risponde (con folle lucidità) che il potere di Dio nasce dalle idee che l’uomo (tramite le parole) ha creato per lui, allora quale modo migliore per sconfiggerlo che metterlo davanti a un' idea altrettanto potente? (per scoprire qual è l’idea capace di uccidere dio comprare il fumetto)



L’epopea blasfema della strana coppia continua senza intoppi fino a quando non vengono a contatto con un gruppo di miliziani con il loro stesso folle obbiettivo, da cui scaturisce un esaltante dialogo su cosa sia Dio, con Terry da una parte che sostiene la tesi dell’ingorgo e il suo interlocutore che lo vede come un cancro (se dio è un prodotto della nostra mente allora non può essere fisso e immutabile ma aleatorio e soggetto a libere interpretazioni)
Alla fine comunque rimane il fatto che (fede o non fede) Dio è quella persona che detiene il monopolio della violenza, controlla le nostre vite e ci punisce quando lo ritiene giusto, la descrizione riportata può tranquillamente estendersi alla definizione moderna di stato, che un nord irlandese degli anni 80 può rappresentare solo ed esclusivamente con la figura della troia lady di ferro.

Un fumetto giovanile, un' opera rabbiosa che denuncia e condanna un modo di vedere la vita tipico dei paesi cattolici come Irlanda e Italia, ottimi dialoghi, bella trama anche se a volte Garth perde il filo della narrazione ma OH! è il suo secondo fumetto mica l’ultimo! I disegni sono molto espressivi, escludendo qualche sbavatura Warren Pleeac porta a casa un discreto risultato e per finire i colori, nell’albo il colorista (non specificato) compie un lavoro spettacolare acquerellando e sfumando le tavole, dimostrandosi capace di rappresentare qualsivoglia ambientazione: notte avvolta dalle fiamme, grigiore ecclesiastico e giornate di sole. Voto? 4 SupeRagni su 5

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...